Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.vivereporto.it/home/2014/plugins/content/phocagallery/phocagallery.php on line 52

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.vivereporto.it/home/2014/plugins/content/phocagallery/phocagallery.php on line 54

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.vivereporto.it/home/2014/plugins/content/phocagallery/phocagallery.php on line 56

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.vivereporto.it/home/2014/plugins/content/phocagallery/phocagallery.php on line 64

DSC 0309SCARICA LE "PILLOLE DI ECONOMIA CIVILE"

 

Cos’è il Benessere? E come si misura? Quando parliamo di Benessere alludiamo, solitamente, a una serie di condizioni materiali ed economiche facilmente misurabili. Ma la felicità non può essere circoscritta al Benessere materiale. Di questo abbiamo discusso, giovedì 4 aprile, con il prof. Leonardo Becchetti.
Il professore dell’Università di Tor Vergata, recentemente impegnato al Festival dell’Economia Civile di Firenze, ha condiviso con ViverePorto una serie di riflessioni sugli indicatori del Ben-Vivere.


L’approccio del Ben-Vivere, introducendo una nuova serie di indicatori, si propone di misurare le condizioni delle persone che vivono in un territorio. La chiave centrale di questo nuovo approccio è nella Generatività.  Essa è la capacità della propria vita di essere utile e di avere un impatto positivo su almeno qualche altro essere umano. Ovviamente esistono diverse dimensioni della generatività (biologica, familiare le più intuitive, artistica, culturale, imprenditoriale, economica, politica, spirituale). Ma il concetto è che ognuna di queste dimensioni è importante per il Ben-Vivere. La Libertà, nelle sue diverse accezioni (di parola, di azione, di impresa…), resta un elemento importante. Ma non deve limitarsi ad una “libertà di…” bensì diventare una “libertà per” fare qualche cosa che abbia una ricaduta anche per l’altro.


DSC 0355Il Ben-Vivere è essenzialmente relazionale, per il Ben-Vivere tutti i soggetti (cittadini, imprese, istituzioni, società civile) sono al contempo parte attiva e passiva del beneficio prodotto, in una continua relazione di reciprocità.  Ne consegue che, per risolvere i drammatici problemi di società complesse come le nostre, abbiamo bisogno di quattro mani e non di due sole. Ovvero che i meccanismi di mercato e quelli politici siano sostenuti dalla cittadinanza attiva e dalle imprese responsabili.
In questa epoca però, come evidenzia Becchetti, la nostra società è concentrata sulla paura e sull'insicurezza. Oggi ci troviamo a vivere in un mondo che alimenta lo scontro del 1 contro 1. Ma, sottolinea Becchetti, 1 contro 1 fa sempre meno di 2. L’uomo dell’Economia Civile, al contrario, segue la logica del 1 più 1 uguale a 3. Cooperazione, fiducia e accoglienza sono gli elementi che l’Economia Civile propone in risposta alla paura e all’insicurezza che vengono alimentate in questi tempi.   

 

 

 

DSC 0340