Via il bosco dei bimbi Vivere Porto accusa «Qui solo cemento»

GAZZETTA DI MANTOVA 26/11/17 – scarica

Altri articoli
Articolo 02/12/2017
Articolo 22/12/2017
Articolo 17/02/2017
Articolo 18/02/2018
Lettera 22/03/2018

Il Bosco dei nuovi nati di Porto Mantovano, costituito dalla precedente amministrazione nell’area Ca’ Rossa si sposta e viene distribuito su quattro terreni. Questa è quanto deciso dalla nuova amministrazione, di cui abbiamo notizia ieri. L’Associazione Vivere Porto in minoranza non è d’accordo con la giunta e critica quanto deciso: «A Porto si cementifica anche la campagna. Il bosco dei bambini verrà cementificato, al suo posto ancora case per Porto Mantovano.
Vendere terreno e incrementare gli oneri di urbanizzazione è il gioco facile di chi vuole incamerare soldi ignorando l’ambiente – scrivono i consiglieri in un comunicato – Uno sfregio ai bambini, alle loro famiglie che avevano aderito all’intitolazione degli alberi piantati nel bosco dei nuovi nati nel 2013».
«Il bosco è stato piantato proprio lì, dove terminava l’abitato per continuare a mantenere un corridoio verde aperto sulla campagna, da lì l’occhio può spaziare verso l’orizzonte – prosegue Vivere Porto – Già da allora era evidente l’appetibilità dell’area dal punto di vista edilizio;
con la piantumazione, invece, si era voluto dare continuità al paesaggio naturale dell’area agricola in una zona già fortemente urbanizzata».
«L’adiacente parco pubblico di Cà Rossa, più volte individuato come luogo per la costruzione di un Centro Feste, è stato completamente abbandonato – conclude la minoranza – Nessuna proposta per poterne usufruire in maniera comunitaria. Il Bosco dei Bambini poteva essere un’occasione. Ora lo si vuole vendere per poter costruire un Centro Feste in quel Drasso Park che, per meri motivi speculativi, è soffocato, anche lui, da case su ogni lato».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *