Giordano Cavallari

Sono nato il 24 maggio 1957 a Porto in una delle casette ancora in parte esistenti a fregio della statale da Bancole in direzione di Verona: le cosiddette “càse nòe”. Mio nonno Attilio Cavallari è stato il primo sindaco di Porto nel dopoguerra, dal ’46 al ‘50. Questo può forse dire quanto io sia affettivamente legato al mio Comune. Per questo, ormai da dimissionato in ambito lavorativo per pensionamento, ho deciso di mettermi a disposizione nella lista di Vivere Porto, in cui posso condividere idealità e passioni civiche. Nella mia giovinezza sono stato avviato al ciclismo dai corridori allora più noti del Comune di Porto. Ho praticato agonisticamente sino alla categoria di dilettanti, conservando poi la passione per la bicicletta sia per cicloturismo che per gli spostamenti verso la città.
Nella mia vita di studio e in quella lavorativa mi sono occupato di materie diverse. Diplomato perito chimico industriale all’ITIS di Mantova, ho lavorato dapprima alla Cartiera Burgo, per noveanni e alla Montedipe per un anno, come tecnico di laboratorio e come conduttore degli impianti di generazione di vapore ed energia elettrica. Nel mentre, ho approfondito miei interessi di studio di altro ordine, conseguendo il Diploma di Magistero in Scienze Religiose presso l’Università
Cattolica di Brescia. Per dieci anni, lasciata l’industria, ho insegnato Religione in scuole superiori di Mantova e provincia. Già impegnato nell’ambito del volontariato cattolico, dal 98’ sono stato impiegato dalla Diocesi di Mantova nell’ufficio e nelle opere della Caritas diocesana, prima come vice direttore collaboratore, quindi quale direttore per i dieci anni più recenti.

Mi sono candidato per l’elezione a consigliere comunale nella lista di Vivere Porto per offrire al mio Comune le
competenze e le esperienze maturate, specie in materia di ambiente e di attività produttive, di cultura e di assistenza e servizi alle persone con fragilità sociali. Sono sposato. Ho una figlia maggiorenne. Abito a Porto in via Vittorio Veneto 27.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *