Adinolfi Carlo

Sono nato il 30 aprile 1977 e vivo a Porto Mantovano da sempre. Sono sposato, ho tre figli e lavoro come impiegato tecnico presso una ditta di Pegognaga dove mi occupo di manutenzione, Sicurezza sul Lavoro e Gestione Ambientale. Dopo aver ottenuto il diploma di perito meccanico ho conseguito la laurea di I livello in Ingegneria dell’Ambiente e del Territorio. In ambito lavorativo, in passato ho potuto conoscere diverse realtà aziendali Mantovane, attive nel campo dello smaltimento rifiuti, della depurazione delle acque e della bonifica del sottosuolo. Queste esperienze, oltre a incidere nella mia crescita professionale, sono state per me l’opportunità per una conoscenza sempre maggiore del nostro territorio e in particolare delle problematiche ambientali che lo flagellano. Ho sempre avuto uno spiccato interesse e un’innata predisposizione all’aspetto educativo dei ragazzi e dei più piccoli. Per più di 20 anni ho svolto servizio di animatore/educatore presso la parrocchia di S. Antonio. Sono fermamente convinto che quegl’anni di servizio sono stati per me un laboratorio, una palestra di vita dove ho potuto maturare tutti quei valori e ideali che poi sono diventati le fondamenta della mia vita oggi.
Posso dire di essere un Portuense DOC, sono cresciuto A Porto e CON Porto. Nelle
diverse stagioni della mia vita ho vissuto in prima persona tutti i cambiamenti che la nostra comunità ha avuto. Ho toccato e ancora oggi ne tocco con mano i problemi e le criticità presenti, in particolare quelle che vivo quotidianamente nella mia famiglia.

Ho scelto di candidarmi nella lista Vivere Porto perchè ne condivido in pieno gli ideali , i valori, il senso civico e il modo serio e trasparente di partecipare attivamente alla vita della comunità di Porto. Credo che il “collaborare per il bene comune”,
introdotto nel programma, sia il punto di partenza da cui non si può prescindere per una corretta e responsabile amministrazione del territorio. Sono convinto che i bambini e i giovani devono essere tutelati in modo particolare, vanno sostenuti e formati con progetti specifici affinché cresca in loro quel senso civico di responsabilità nei confronti delle altre persone e di rispetto del territorio e dell’ambiente in cui viviamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *